Bullismo, sempre più figli scelgono genitori sbagliati

 

bulli 02.jpg

“Stasera sono uscito a prendere un gelato nel mio quartiere e tornando verso casa ho incontrato un’ anziana in stato confusionale circondata da quattro bulli che la prendevano in giro mentre uno di questi le girava un video. Sono rimasto molto colpito dalla sofferenza della malcapitata ma ancora di più dalla totale mancanza di empatia dei ragazzi”
Leggo questo post sul suo profilo fb. Lui è Umberto Battista, Presidente Apsd sport benessere e salute mentale, dove ragazzi fragili ritrovano un’aspirazione attraverso lo sport.

“Letta la situazione mi avvicino velocemente e mi rivolgo alla donna a voce alta chiamandola ‘nonna’. Con il mio ingresso nella scena i quattro intendendo che fossi realmente il nipote se la danno a gambe levate”.

Umberto poteva scegliere di fare finta di niente, tirare dritto, andare oltre. Invece decide che la cosa lo riguarda. Dice che ha fatto quello che avrebbe fatto chiunque con un minimo di senso civico. Mi piace pensare ne sarei stato capace anch’io, ma non ne sono sicuro: l’indifferenza può essere anche una scorciatoia (mai un alibi) alla paura (paura di non sapere cosa fare).

“Non so cosa pensare e non ho altro da aggiungere se non il fatto che sono rimasto con l’anziana sofferente per circa un’ ora a consolarla visto che non si ricordava dove abitava, finché vedo arrivare un auto con a bordo una ragazza la quale si avvicina verso di noi, scende e la chiama per nome; era la vera nipote e sua nonna malata di Alzheimer mancava da casa da ormai diverse ore. Lo sguardo felice della donna che riconosce la nipote ha compensato lo sguardo amaro e vuoto dei bulli di periferia e tutto sommato me ne sono tornato a casa sereno, quasi in pace con il mondo e soprattutto con me stesso”.

Chiamalo treno in corsa, chiamalo emergenza sociale, chiamalo come ti pare, ma è sempre più difficile scegliersi i genitori giusti per non essere figli violenti.

da ilFattoquotidiano.it del 6 settembre 2016

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

Cittadinanza digitale, figlio virtuale, genitore amatoriale

fogliazza-630x630.jpgCittadinanza Digitale” è un progetto per le scuole che vuole informare sull’uso consapevole e i rischi derivanti dall’abuso della rete. E’ una bella idea. Conosco l’argomento, decido di andare. L’incontro è condotto da due giovani psicologhe molto preparate sulla lettura delle slide alle loro spalle. Snocciolano concetti, terminologia professionale, definizioni 2.0 della società odierna. Compitino, mai fuori dagli appunti, non un affondo sul protagonista di questa storia: il genitore. La prima ora trascorre parlando dei ragazzi (bambini? non emergono distinzioni di età, tutto è un raccontone didascalico che fa minestrone a pezzettoni): i “nativi digitali”, quelli nati dopo la fine degli anni ottanta, sono frutto di un download, apparsi all’improvviso. Le psicologhe si concentrano su protagonisti che in realtà sono messi in secondo piano, forzati lì da interpreti principali che scelgono di essere comparse: i genitori. E’ come se mancasse il coraggio (la consapevolezza? ancora?? sì, ancora) di dichiarare apertamente l’assenza crescente della figura genitoriale, quasi aleggiasse il timore di offendere i presenti richiamandoli alla loro responsabilità fondamentale: educare.

Ma a dar man forte alle due conduttrici è la maggior parte stessa dei presenti, che chiede apertamente un maggior impegno da parte della scuola, come luogo centrale dell’educazione e formazione dei figli (mi sorprende che nessuno abbia ancora chiesto alla scuola di passargli gli alimenti), che la scuola faccia di più. Assisto a una richiesta precisa: delegare l’educazione dei nostri figli.

“Assisto a una richiesta precisa:
delegare l’educazione dei nostri figli.”

Le psicologhe ormai assistono alla discussione senza nemmeno moderare, apertamente in difficoltà se una domanda esula dalle risposte scritte nelle slide, preparate sulla statistica del bambino/ragazzo, ma vuote di denuncia sul genitore dalla ludopatia cellulare facile. Mi accorgo di come l’argomento che stiamo trattando sia ancora sconosciuto e sottovalutato e come la maggior parte dei genitori lo ignori esattamente come ignora che non va delegato ad altri quello che dovrebbe essere diritto e dovere di ciò che si chiama e dovrebbe essere famiglia.

Ciò che accade con internet e social non è una novità, semmai amplifica quello che è sempre esistito e la facilità d’uso (e abuso) rende tutto molto più veloce. Per quanto l’incontro sia un segnale e, spero, un inizio non una parola sulle dipendenze alle nuove teconologie, non una parola sul fatto che questa dipendenza ha un nome, non un’accusa alla famiglia che ha abdicato (troppo spesso) allo smartphone come prima abdicava al dvd: toh, guarda qui e non rompere.

Decido di fare una domanda, che è una richiesta esplicita “Potete rincarare la dose sul nostro ruolo di genitori che sta dando un pessimo esempio? Per esempio postando ostinatamente foto dei nostri figli sui social”? La timida dottoressa risponde ripetendo la mia domanda, come chi non la sa ma parla per riempire un vuoto. Aggiungo “Posso chiederle di dichiarare apertamente che stiamo sbagliando?” Sorriso imbarazzato, sorrisi in sala, slide, off line, ciao.

I figli non sono un’app da scaricare e nemmeno una start-up. Sono nati prima dei problemi che gli abbiamo creato e se non c’eravamo allora proviamo ad esserci adesso. Ma fermalo tu un treno in corsa…

da ilFattoquotidiano.it 8 marzo 2016 

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

intellettuali moderni…

12744636_10207531356634543_1205400911263128988_n

Lascia un commento

20 febbraio 2016 · 13:56

un bel tacer…

12744753_10207481169019884_6431496255163101313_n-1

Lascia un commento

12 febbraio 2016 · 14:21

la battuta è di Emanuele Cappa…

12647174_10207444752909504_1853683409156145292_n

Lascia un commento

12 febbraio 2016 · 14:20

punti di vista…

12662477_10207432464562303_357639514042379254_n

Lascia un commento

12 febbraio 2016 · 14:19

Parma Cooltura…

12644868_10207375345054351_5125828275470827138_n

Lascia un commento

12 febbraio 2016 · 14:18