LE DIOTTRIE DELL’UTOPIA

Il cittadino, in genere, non vede lontano: vede a malapena un libro, sfoglia la Ganzetta di Parma, dice di Luca Sommi che parla bene, preferibilmente si beve la televisione. Ha un orizzonte che arriva alle vacanze, quando la miopia va bene, o al fine settimana, quando non è troppo astigmatico.
Siccome al cittadino medio di come gli stan trasformando la Parma in cui vive gliene frega relativamente al SUV o alla lampada o al Campari… vien da sperare che cittadini atipici come quelli che si battono contro i porcheggi o gli inceneritori siano virulenti. Altrimenti, un giorno non lontano, potremmo svegliarci “riqualificati”. Ci alziamo, ci guardiamo allo specchio dopo aver fatto quelle piccole cose banali che facciamo da anni appena in piedi… e d’un tratto ci scopriamo riqualificati: dove c’eravamo noi hanno piazzato un dehor, dove riconoscevamo la nostra faccia ci hanno fatto una “temporary box“, dove avevamo le nostre rughe ci hanno fatto un porcheggio, dove avevamo un’ identità ci hanno fatto un inceneritore. Si chiama “riqualificazione” e il più delle volte consiste nella insostenibile pochezza dei nostri architetti, geometri, ingegnieri, periti, consulenti, etc etc comunali
orgogliosi di sentirsi delle inutilità militanti.
Un bel giorno ti svegli e guardandoti allo specchio ti accorgi che non sei più tu:
ti hanno cambiato la destinazione d’uso.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...