IL FUTURO IGNIFUGO

Pochi, tanti, abbastanza? Secondo la Questura eccetera eccetera. Quando una manifestazione di popolo è considerata un successo? Un’ Amministrazione come quella attuale, fatta di Assessori al Campari, Delegati al Prosecco e Consulenti alla Malva, che non manca mai ad ogni taglio del nastro (come non manca mai di tagliare la corda di fronte a grandi temi) deve per forza fidarsi del colpo d’occhio: sabato scorso per strada c’era una massa di VOTI che andava in fumo (e senza bisogno di inceneritore). Questa è la percezione della classe politica, quella stessa classe rampante e anabolizzata produttrice  dell’unica immondizia che andrebbe incenerita: il proprio rifiuto ad ascolare le persone.
Poco importa se tra i manifestanti ci sia chi votava Pietro Vignali, chi non lo voterà più o lo voterà ancora. Il futuro è di tutti e quando va a puttane lui… siamo tutti noi che ci andiamo dietro.
Un referendum è un’idea semplice e democratica (per quel che vale la democrazia oggi e sopratutto in questo paese, ma vale la pena tentare): ricordo Elvio Ubaldi impedire un referendum sulla metropolitana. Impedire un libero pensiero non sarebbe l’ammissione di colpa più evidente di un sindaco qualora si opponesse? E poi perchè parlare solo del Sindaco? Ci sta pure il Presidente della Provincia di Parma, quel Bernazzoli che sta a sinistra (della Pilotta)… e quanti altri ancora sostengono l’inceneritore?
18 anni a Clisto Tanzi sono una perdita di tempo, non li sconterà mai: chiediamo a Calisto un gesto di umanità, chiediamo a Tanzi di devolvere la sua pena in parti uguali fra tutti quelli che sono responsabili di un inceneritore e che in quel lasso di tempo i “condannati solidali” possano usufruire dell’ ora d’aria, ma a una condizione: che l’aria sia quella emessa dall’inceneritore.

Annunci

1 Commento

Archiviato in Senza categoria

Una risposta a “IL FUTURO IGNIFUGO

  1. lucia tombari

    anche alla luce degli ultimi accadimenti politici la satira e l’intelligente ironia non paga…scrivi molto bene e sai parlare di problemi locali ma che in realtà ci toccano tutti..abbasso questa classe politica autorreferenziale che c’ha fatto perdere altri tre mesi di tempo,coi loro minuetti e le loro manfrine….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...