SE SEI INDIGNATO CLIKKA SU “MI PIACE”

Il Procuratore Laguardia ha messo in allarme la città sulle segnalazioni dei privati cittadini. Una in particolare riguarderebbe l’imminenza delle vacanze. Secondo alcune intercettazioni pare, si dice, vociferiamenti da corridoio, che il prossimo Consiglio Comunale discuterà l’ipotesi di anticipare il 10 d’agosto, notte di San Lorenzo, alias stelle cadenti: questo consentirebbe alla maggioranza compatta di darsi alla fuga nascosta tra il precipitare diffuso degli astri nel ciel. L’opposizione ha fatto sapere che farà il proprio dovere anche a ferragosto: Parma sarà raggiungibile con smarphone e pc in mobilità anche dalle villeggiature più estreme. Pagliari invita i suoi a clikkare su “mi piace” anche in caso di scarsa copertura se non addirittura in assenza totale di adsl. I cittadini tutti sono invitati a dotarsi dell’indignazione minima sindacale per tutelarsi dal sole: protezione 50 uòterprùff anche all’ombra (che in questa città, l’ombra, mena più del sole).
Nonostante Parma sia stata scossa da un’onda che non ha saputo tuttavia connotarsi in tsunami, il sole cattivo dell’estate potrebbe asciugare quelle poche gocce che si sono riversate sotto i Portici del Grano. La sensazione è che l’indignazione abbia già raggiunto il culmine e che la pazienza abbia un limite: se Vignali non si dimette cazzi suoi, c’è chi ha prenotato e non può disdire la Romagna o il Trentino, il campeggio o l’agriturismo. Indignarsi vabbene, ma con le batterie cariche.
In questi giorni l’indignazione auspicata non c’è stata, la rabbia governata dal dissenso non ha incrementato il popolo che tuttora si riversa incazzato nero sulla tastiera del pc per aderire in massa alle innumerevoli “causes”. Il rischio è che Parma abbia avuto un moto di risveglio da un sonno particolarmente profondo, che ha generato uno sbadiglio confuso con un ruggito. Secondo la Questura i partecipanti alle manifestazioni sono aumentati solo se viene calcolato il coefficiente “MondialCasa“: raddoppiato sì, ma in virtù del fatto che ogni partecipante brandiva una pentola.
Ad oggi il braccio di ferro tra chi comanda e chi potrebbe comandare (la gente onesta) vede favorita l’amministrazione cittadina. Da una parte c’è chi è stronzo per mestiere, dall’altra c’è chi è onesto per conformismo. Non sarà che ci siamo ritrovati in quattro gatti (alcune centinaia son ben poca cosa rispetto a una città di 180.000 abitanti) sotto i Portici del Grano per poi parcheggiare al posto del vicino, saltare la coda alla cassa, tacere al giornalaio che ci ha dato un euro in più di resto, trovato un portafoglio senza restituirlo, etc etc etc… per dimenticre che la vera indignazione non si sveglia all’improvviso, ma vive e vegeta ogni giorno e non si lascia cogliere di sorpresa da un orizzonte partito da lontano e che abbiamo lasciato rovinarci addosso? Fa troppo caldo per cambiare le cose, però è stato bello fare un po’ di casino.
Buonanotte e Buonevacanze.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...