Quando la vergogna era un foglio di via

merda biologica

Essere svegliati al mattino presto dalla Finanza dev’essere un brutto quarto d’ora. A Parma succede sempre più spesso. L’ultimo risveglio è l’ennesima sveglia, speri sempre l’ultima, per una città collusa per sonnolenza: dorme.
Viene da chiedersi ormai chi sarà il prossimo e se ha un senso reagire quando i medici ti dicono che ormai sei alla frutta. Marcia, pure quella.
Ma gli ultimi quattro arrestati (solo gli ultimi in ordine di tempo) hanno solo il tempo di trascurare la barba del mattino, consegnarsi spettinati (tranne uno, bavero alzato), l’occhio pallato del declino (tranne uno, eterno panchinaro del giro grosso). Poi i domiciliari. In fondo gli tocca solo l’onta del campanello quotidiano, per la firma di presenza. Non una notte in carcere, quasi non li meritassero nemmeno quelli che abitano in via Burla. Gli ultimi quattro contano le ore in ciabatte, sprofondano col telecomando in mano, incassano il colpo pensando che essere italiani non è poi così male. Intanto non li han sbattuti in cella, intanto non finiranno a fare gli operai, intanto resteranno quello che sono. Se va bene scriveranno poesie o fonderanno un’associazione in difesa dei diritti civili. Intanto la gente dimenticherà presto, è il bello di vivere in Italia. Una volta, per molto meno, chi commetteva un reato o si copriva di una vergogna che nemmeno rasentava questi… faceva il bagaglio, su due piedi, andava altrove, dove nessuno li conosceva. Una volta. Ora, presto, li rivedrai a testa alta, camminare, molto probabilmente incrociandoli per strada, Parma è piccola, lasceranno in eredità le foto di quando è successo. Una volta la vergogna era un foglio di via. E noi che restiamo? Dovesse capitare di incontrare chi non si è mai vergognato e mai lo farà, potremmo sputare in terra ogni volta che ci capita di incrociarne il passo o davanti la loro porta di casa. Un gesto sporco che comporta abbassarsi al loro livello, lo so. Ma che bello se, per pagare il debito che ci lasciano, invece che sputare sangue ci limitassimo a sputargli e basta.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...